cosa cucinare mentre hai il forno acceso

Cosa cucinare mentre hai il forno acceso

Sono sempre stato affascinato dalla lettura di libri e dalla visione di programmi di storia del cibo che parlano di civiltà precedenti che utilizzavano il calore rimanente nei forni dopo che la cottura principale era terminata.

Questo era principalmente un modo per massimizzare l’uso di combustibile prezioso, come il legno, cucinando più piatti nei resti del fuoco del giorno.

Ad esempio, i coloni americani mettevano una pentola di fagioli nelle braci morenti di un fuoco durante la notte, cuocendoli così senza bisogno di altra legna.

Questo mi ha fatto pensare. Anche se non sto cucinando in un caminetto, uso molto il mio forno. Potrebbero esserci cose che potrei cucinare “passivamente” mentre il mio piatto principale sta cucinando?

Basterebbe prestare attenzione ai tempi e possibilmente regolare le temperature.

Le cose che richiedevano un calore più alto di quello che stavo usando potrebbero essere adattate a un tempo di cottura più lungo a un calore inferiore? O, al contrario, un breve periodo a calore più elevato?

Così ho iniziato a fare elenchi di cose che credevo potessero essere cucinate “passivamente”:

  • Teste d’aglio avvolte in un foglio,
  • Pomodori romani affettati e posti ad “asciugare” su una teglia foderata di pergamena,
  • Barbabietole avvolte in un foglio, alcune verdure consumato rapidamente (che pensavo che la tostatura potesse risparmiare), alcune noci crude, ecc. .

Molte cose sulla mia lista sembravano richiedere un forno a 200 °C.

Questo non è stato un antipasto per me perché poche cose che cucino in forno richiedono la stessa temperatura. Ma molto richiede 170° C.

Quindi, tra la ricerca e alcuni tentativi ed errori, ho scoperto che solo 10-15 minuti in più alla temperatura più bassa mi avrebbero dato la stessa consistenza e sapore arrostiti che stavo cercando.

Ecco la mia lista dei piatti che puoi cucinare passivamente :

  • Teste d’aglio avvolte in foglio: 170 ° C per circa 55 minuti
  • Cimette di broccoli (su una teglia): 170 ° C per circa 30 minuti
  • Cimette di cavolfiore (su una teglia): 170 ° C per circa 35-40 minuti
  • Carote (su una teglia): 170 ° C per circa 30 minuti
  • Barbabietole (avvolte in un foglio): 170 ° C per circa 70 minuti
  • Noci (su una teglia): 170 °C per 10-12 minuti, mescolando spesso
    Se stai cucinando qualcosa a 120 ° C, puoi “essiccare al sole” i pomodorini a fette su una teglia foderata di pergamena per circa 3-3 ore e mezza. E se il tuo forno si trova a 200 ° C, tutto nell’elenco sopra funzionerà altrettanto bene con tempi di cottura ridotti di 10-15 minuti.

Tutto ciò che intendo suggerire con queste idee è che a volte è uno spreco usare il forno solo per una cosa. Con un po’ di riflessione e pianificazione, possiamo emulare i nostri antenati ed essere solo un po’ più efficienti. E fare ti darà ingredienti pronti all’uso con cui costruire pasti migliori nei giorni a venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.